Professional story

Sono un ingegnere-insegnante, nel senso che mi ingegno ad insegnare matematica nelle scuole superiori cercando di rendere la disciplina un mezzo, più che un fine, per giungere a un vero e reale apprendimento: apprendere ad apprendere, apprendere a conoscere e a conoscersi.
Parallelamente mi dedico a laboratori e attività artistiche e di incisione quali pittura, fotografia, serigrafia, cianotipia, xilografia. Ecco: mi piace sperimentare, arrabattare ed arzigogolare concetti, oggetti e le loro innumerevoli combinazioni. E condividere il tutto con altre persone. Un processo pressoché interminabile.
Infine, sono vicepresidente dell’associazione MENOPERMENO, che organizza incontri, attività e laboratori al fine di fornire supporto al disagio psicologico utilizzando l’arte come strumento di indagine e di conoscenza di sé.

Why I'm a Pacoer

Perché sono un Pacoer?
Perché credo che per cambiare le cose bisogna essere il cambiamento stesso. L’educazione è un qualcosa di affascinante, estremamente complesso, che richiede costantemente nuove idee, nuove prospettive, nuove sperimentazioni, nuove visioni ma al tempo stessa tanto sacrificio, tanta concretezza, tanta realtà. Questa è la direzione del mio viaggio con PACO.